Scopri quanto guadagna un commercialista nel 2024: cifre e dettagli

Il commercialista è tra le professioni meglio remunerate nel settore della Contabilità, Amministrazione. Questa professione richiede competenze specifiche e un’ampia conoscenza nel campo, il che spiega gli elevati guadagni associati a questa carriera, dai guadagni base come praticante commercialista agli incrementi dovuti a parcella commercialista e tariffa commercialista.

Nell’articolo, esploreremo in dettaglio il guadagno medio di un commercialista in Italia, includendo lo stipendio medio commercialista, la parcella del commercialista, e come questi aspetti possano variare a seconda dell’esperienza e dei servizi offerti. Si discuteranno anche le prospettive di carriera e i passi necessari per diventare un commercialista, oltre all’impatto che i diversi servizi offerti possono avere sul reddito finale, consentendo così ai lettori di comprendere meglio il potenziale di guadagno in questa professione.

Fattori che influenzano lo stipendio di un commercialista

Il reddito dei commercialisti varia significativamente in base alla regione geografica in cui operano. Ad esempio, i commercialisti nel Nord Italia, come in Trentino-Alto Adige e Lombardia, guadagnano salari medi più elevati, rispettivamente di 105.000 euro e 95.000 euro all’anno, rispetto a quelli nel Sud, come in Campania e Calabria, dove i salari medi sono di 30.000 euro e 24.000 euro all’anno. Questa disparità regionale è ulteriormente evidenziata dal fatto che, mentre il reddito dei commercialisti nel Nord è generalmente più alto, nel Sud si è registrato un incremento del 2,9%.

L’esperienza è un altro fattore cruciale che influenza il guadagno. I commercialisti con più esperienza tendono a guadagnare significativamente di più rispetto ai neolaureati. Per esempio, i commercialisti più esperti possono guadagnare fino a 6.000 euro al mese, mentre quelli con meno esperienza possono guadagnare circa 1.500 euro al mese. Inoltre, la competizione tra commercialisti ha portato a una diminuzione del reddito mediano di circa il 12% negli ultimi dieci anni.

La struttura di compensazione per i commercialisti che lavorano come liberi professionisti è particolarmente complessa, con guadagni che dipendono da vari fattori come anni di esperienza, specializzazione, base clienti e tipo di studio. Al contrario, i commercialisti che operano in forma associata o societaria tendono ad avere un reddito medio e ricavi superiori rispetto a quelli che operano individualmente. Un documento prodotto da CNDCEC e Fondazione Nazionale Commercialisti sostiene che i commercialisti in forma associata o societaria hanno un reddito mediano di 125.000 euro (volume d’affari 245.000 euro) rispetto ai 49.000 euro (volume d’affari 80.000 euro) di quelli che operano individualmente.

Il guadagno medio di un commercialista in Italia

Stipendio Medio e Compensazioni Aggiuntive

Il salario medio annuo per un commercialista in Italia è di €44,741, basato su dati raccolti anonimamente e riportati su Glassdoor. Oltre allo stipendio base, i commercialisti possono aspettarsi una compensazione aggiuntiva in contanti che mediamente ammonta a €2,241, variando da un minimo di €100 fino a un massimo di €4,381.

Redditi Specifici per Settore e Forma di Esercizio

I commercialisti che fanno parte della Cassa dottori commercialisti (Cdc) godono di un reddito medio annuo di €80,318. Coloro che operano in forma aggregata, come in studi associati o STP, registrano un reddito medio significativamente più alto, pari a €127,814, mentre quelli in forma individuale percepiscono circa €53,044.

Confronto con Altri Professionisti del Settore

Nel settore della ‘Contabilità, Amministrazione e Risorse Umane’, il salario medio è di €2,450, basato su oltre 13,000 dati salariali raccolti. Specificamente per la professione di commercialista, il salario medio si attesta intorno ai €2,500. Questo si confronta con una gamma salariale per professioni correlate che varia da €27,000 a €85,000 lordi all’anno, con i commercialisti che possono arrivare fino a €64,500, i contabili fino a €35,500, e i consulenti finanziari fino a €82,000.

Tendenze Post-Pandemia e Crescita del Settore

Il reddito professionale netto medio dei commercialisti ha mostrato una ripresa post-pandemia con un incremento del 7,6% nel 2023, raggiungendo i €73,277. Inoltre, il numero di commercialisti in Italia è cresciuto del 12% dal 2008, anno di istituzione dell’albo unificato.

Come diventare un commercialista e le prospettive di carriera

Per intraprendere la carriera di commercialista in Italia, è necessario conseguire una laurea magistrale in economia, seguita da un praticantato di 18 mesi sotto la supervisione di un commercialista o un esperto contabile. Dopo il praticantato, i candidati devono superare l’Esame di Stato, che include tre prove scritte e un esame orale, per poter essere iscritti all’Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili.

Percorso Accademico e Praticantato

  1. Ottenere una laurea magistrale in economia (LM-56) o in economia aziendale (LM-77).
  2. Completare un praticantato di 18 mesi in uno studio di commercialisti.
  3. Superare l’Esame di Stato, composto da due prove scritte, un’esercitazione pratica e un esame orale.

Specializzazione e Ruoli

I commercialisti si specializzano in questioni fiscali, tributarie e legali, e possono ricoprire ruoli amministrativi e specifici in ambito aziendale. Gli esperti contabili si concentrano su questioni contabili e fiscali per entità fisiche e giuridiche, valutando e controllando la redazione del bilancio e la corretta tenuta della contabilità.

Prospettive di Carriera

Dopo l’iscrizione all’albo, i commercialisti possono scegliere di lavorare come liberi professionisti, gestendo il proprio portafoglio clienti e guadagnando in base al numero e alla dimensione dei clienti, o come dipendenti aziendali, con possibilità di avanzamento nella gerarchia aziendale fino a diventare manager del dipartimento contabile.

L’educazione continua è obbligatoria per i commercialisti in Italia, con 90 ore richieste ogni tre anni, per garantire l’aggiornamento su cambiamenti normativi e nuove leggi. Questo aspetto sottolinea l’importanza dell’apprendimento continuo nella professione.

Impatto sul Reddito e Profittabilità

L’aggregazione dei servizi offerti può aumentare significativamente la redditività di un commercialista. L’Associazione Italiana dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili (ADCESC) nel suo rapporto del 2021 ha sottolineato la necessità per i contabili di aggregarsi per incrementare la loro redditività.

Conclusione

Attraverso l’analisi di vari aspetti relativi al guadagno di un commercialista in Italia, abbiamo esplorato le dinamiche salariali, gli elementi che influenzano i redditi variabili nella professione, e l’importanza dell’esperienza e della specializzazione per il successo nel campo. Abbiamo anche considerato l’effetto della geografia, l’impatto della digitalizzazione e la crescente necessità di servizi di consulenza di alta qualità, sottolineando come questi fattori si combinano per determinare le prospettive di guadagno e la carriera di un commercialista.

Riconoscendo la varietà e la complessità delle vie per incrementare i redditi nel dominio contabile e amministrativo, sarà fondamentale per i professionisti attuali e futuri adattarsi alle mutevoli esigenze del mercato e sfruttare le tecnologie emergenti. Consigliamo ulteriori ricerche e l’adozione di strategie innovative per navigare con successo il panorama in evoluzione della professione, con lo scopo di massimizzare le opportunità di carriera e i guadagni potenziali nel campo contabile e amministrativo.

FAQs

Quanto guadagna in media un commercialista in Italia?

Un commercialista in Italia con meno di cinque anni di esperienza può aspettarsi una retribuzione annua lorda che varia da 36.000 a 55.000 euro. Con un’esperienza tra i 5 e i 10 anni, il guadagno annuo lordo si colloca tra i 55.000 e i 65.000 euro, mentre con oltre 10 anni di esperienza, il reddito può superare i 65.000 euro all’anno.

Qual è lo stipendio mensile medio di un commercialista?

Il salario medio mensile per un commercialista in Italia è di circa 30.000 euro all’anno, o 15,38 euro all’ora. I commercialisti alle prime armi possono guadagnare circa 23.625 euro all’anno, mentre quelli con maggiore esperienza possono arrivare a guadagnare fino a 45.000 euro all’anno.