Regulatory Affairs Project Manager

Candidati entro il: 30 Settembre 2024
Candidati

Descrizione

Affermata Società italiana di Consulenza in ambito Affari Regolatori, ci ha incaricato di selezionare un/una Regulatory Affairs Project Manager.

Mission del ruolo

La figura, riportando al Responsabile della Funzione “Biocidi” presidierà l’intero ciclo di vita dei progetti normativi (della Funzione) assegnati, partecipando tanto internamente alla preparazione, revisione e presentazione di dossier tecnici (in concerto con il team tecnico), quanto esternamente fornendo ai Clienti tutte le informazioni Normative necessarie.

Responsabilità:
– Interagire con i Clienti per comprendere le loro esigenze e individuare soluzioni su misura.
– Gestire le attività regolatorie per la redazione e la registrazione dei dossier tecnici relativi all’area Biocidi/Agro.
– Effettuare tutte la Valutazioni del Rischio (VdR) che si rendono necessarie.
– Monitorare e interpretare i cambiamenti delle Normative di riferimento (siano esse locali, europee, internazionali) garantendo l’aggiornamento continuo della documentazione aziendale.
– Supervisionare il progetto assicurandone il rispetto del tempo e del budget previsti.

Competenze e caratteristiche

– Laurea in ambito scientifico (Chimica a livello preferenziale): Biologia, Biotecnologie, CTF o equivalenti; molto gradito anche un percorso di Dottorato di Ricerca post laurea.
– Esperienza di almeno 2 anni maturata in un contesto di medio/grandi dimensioni tanto di Consulenza – idealmente in ambito Biocidi – quanto di realtà Pharma o Medical Device.
– Conoscenza dei Regolamenti Biocidi, REACh e CLP.
– Ottime capacità organizzative e di gestione di progetti.
– Ottima conoscenza della lingua Inglese.
– Attitudine proattiva ed eccellenti capacità comunicative e relazionali.

Cosa si offre

Si offre inserimento in un contesto altamente professionalizzante, in crescita, molto attento alle relazioni umane e alla formazione/aggiornamento professionale continuo delle risorse.

Si offre infine la possibilità di gestire l’attività con 4 giorni a settimana di smart working e un giorno in presenza o con modalità differenti a seconda delle esigenze specifiche.

L’inquadramento e la retribuzione saranno commisurati all’esperienza del/della candidato/a.